ServiziMenu principaleHome
Sei qui: Home > Associazione > Etichetta energetica > Scopri la nuova etichetta

Nuova etichetta

L'Unione Europea ha pubblicato nel 1992 la Direttiva Quadro 92/75/CEE con la quale è stato stabilito l'uso dell'etichetta energetica per i principali elettrodomestici.

La direttiva quadro è stata quindi recepita in Italia e nel 1998 è stato introdotto l'obbligo dell'etichettatura energetica inizialmente per frigoriferi e congelatori quindi, a seguire, nel maggio 1999 per le lavatrici, nel giugno 2000 per le lavastoviglie e, nel luglio 2003, per i forni elettrici ed i climatizzatori.

Con tale strumento si intende dunque informare i consumatori circa il consumo di energia degli elettrodomestici al fine di consentire un impiego più razionale dell'energia e di favorire il risparmio energetico e la riduzione dell'inquinamento atmosferico.

Nel 2003, il successo dello schema di etichettatura ha spinto l'Unione Europea all'introduzione di due nuove classi per gli elettrodomestici appartenenti alla refrigerazione (A+ e A++), che si sono situate sopra la classe A per rispondere ad una crescente domanda di prodotti rispettosi dell'ambiente ed incentivare i produttori a sviluppare prodotti sempre più efficienti.

L'Unione Europea ha ora approvato nuove etichette che riportino classi di efficienza energetica superiori alla A, tramite la nuova Direttiva Quadro entrata in vigore il 19 giugno 2010.

La revisione dell'etichetta si è resa necessaria per continuare ad assicurare trasparenza e chiarezza nei confronti dei consumatori. L'etichetta energetica è stata il motore del progresso tecnologico degli apparecchi domestici. La vecchia etichetta non era più in grado di mettere in luce le innovazioni tecnologiche introdotte dall'industria negli ultimi anni, ragione per la quale è stata rivista al fine di risultare chiara al consumatore e di riconfermarsi come stimolo alla ricerca dell'efficienza.

L'etichetta, in tutte le categorie di prodotto per cui era già prevista, ha mantenuto il format ed il suo design semplice, ovvero gli elementi di base che la rendono riconoscibile:

  • suddivisione in classi
  • classi di efficienza energetica
  • scala cromatica

Sono stati invece introdotti elementi aggiuntivi per consentire ai produttori, e di conseguenza ai rivenditori, di mettere in evidenza i progressi tecnologici:

  • fino a tre nuove classi energetiche (A+, A++, A+++) che vanno ad aggiungersi alla tradizionale scala dalla A alla G
  • uniformità in tutti e 27 i paesi membri dell'UE
  • neutralità linguistica, in quanto i testi sono stati sostituiti da pittogrammi che informano a colpo d'occhio i consumatori sulle caratteristiche e sulle performance degli apparecchi
  • ogni prodotto verrà fornito completo di etichetta energetica (la pratica corrente in molti paesi di fornire l'etichetta energetica e lo sticker adesivo separatamente verrà abbandonata)
  • dichiarazione acustica obbligatoria per gli apparecchi per il quali il rumore costituisce un rilevante criterio di classificazione
  • il materiale promozionale e di comunicazione sul prodotto deve necessariamente riportare il riferimento alla classe di efficienza energetica dell'elettrodomestico
  • questi provvedimenti si applicano solo alle categorie di prodotto per le quali sia già entrato in vigore specifico Regolamento